La Storia dei borghi di Pietra

Il comune di Borgomezzavalle è stato istituito il 1° gennaio 2016 mediante la fusione dei comuni contigui di Seppiana e di Viganella.

SEPPIANA

L’origine etimologica di Seppiana (Silva Plana) rimanda a boschi o selve pianeggianti, anche se in verità la parte pianeggiante del paese è stata a fatica ricavata dagli abitanti sui fianchi della montagna. Nel XI secolo ha inizio la costruzione della chiesa di San Ambrogio fino a renderla costruzione di dimensioni ragguardevoli in grado di accogliere i fedeli dell’intera valle.

Durante la Seconda Guerra Mondiale Seppiana e i suoi alpeggi sono stati teatro di scontri e di movimenti di resistenza all’invasione tedesca culminati nella proclamazione, nel settembre 1944, della Repubblica dell’Ossola.

VIGANELLA

La cosa che maggiormente colpisce l’occhio del visitatore che raggiunge Viganella, è la bellezza del suo centro storico: l’architettura rurale è quella tipica di una comunità di minatori e carbonai, quali erano anticamente gli abitanti di Viganella. La chiesa parrocchiale dedicata a Maria nascente del 1614 è senza dubbio l’edificio storico di maggior pregio con all’interno sculture e pitture di straordinaria bellezza.Particolarmente rilevante anche l’edificio denominato “Casa Vanni”, antica abitazione di uno dei più famosi pittori e scultori locali, così come l’antica torretta medioevale, unica “casa forte” di tutta la Valle Antrona.

BORDO

L’antico villaggio si trova su uno dei tanti terrazzi del versante sud. Abbandonato è stato ricostruito dal 1982 da un gruppo di giovani idealisti svizzeri e tedeschi che ha dato vita ad una comunità orientata verso una ricerca spirituale. Tanti maestri dalla tradizione del Buddhismo Tibetano Karma Kagyu hanno visitato il luogo. Oggi il villaggio offre ai suoi soci dalla primavera all’autunno meditazioni giornaliere e diverse attività. I
visitatori sono benvenuti, su prenotazione è possibile partecipare a una meditazione. Per ulteriori informazioni vedere il nostro sito www.bordo.org. Facebook: Bodo Bergdorf Bodhi Path

CHEGGIO

Si può raggiungere la frazione da Bordo attraverso un sentiero, oppure dalla strada asfaltata che si dirama dalla provinciale della valle Antrona subito dopo l’abitato di Rivera. L’antico villaggio si trova su uno dei tanti terrazzi del versante sud. Anch’esso abbandonato nella prima metà del 20 secolo è stato in parte ricostruito e riabitato, soprattutto da persone straniere. Oltre all’oratorio del 1680 vi è anche un forno e alla periferia del gruppo di case vi era un caseggiato con un Torchio e una macina per le noci. Cheggio è toponimo che sta a indicare luogo esposto al sole.

ZONCA

La frazione di Zonca appartiene al comune di Montescheno ma fa parte della parrocchia di Seppiana. E’ di rilievo l’oratorio del 1656 dedicato a S.Lucia e Apollonia, all’interno è presente un quadro seicentesco che rappresenta una Maternità e le due sante Lucia e Apollonia. Nella frazione son presenti ancora due forni per il pane, il torchio, una cappella del 1500 e una casa del 1600 della famiglia Vescia nobili di Zonca. La si raggiunge a piedi da Montescheno oppure con la strada (privata) da Seppiana.